NewEntry.eu - I SALVADANAI DEI BAMBINI
Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

I SALVADANAI DEI BAMBINI

Facendo le classiche pulizie di primavera e riordinando casa, ogni anno, immancabilmente, riesco a buttare ben poco: per nostalgia, per abitudine di tenere tutto, perché” non si sa mai”, magari potrebbe servire ancora, o per il ricordo che accompagna certi oggetti…E allora li prendo in mano, lascio spaziare la mente e, tra un sorriso e un po’ di nostalgia, ripongo ancora quasi tutto fino alla prossima pulizia. Tra i molti oggetti che tengo con piacere da tanti anni ci sono le cassettine di risparmio dei miei figli, quando erano piccoli.
Fino a qualche decennio fa infatti ogni bambino, fin dalla nascita, riceveva in regalo dai genitori o dai nonni, il salvadanaio, la cassettina della banca in pesante metallo dove mettere gli spiccioli e di conseguenza il libretto dei risparmi emesso dalla stessa banca. Era un regalo che insegnava ai piccoli a risparmiare ogni soldino avuto nelle più diverse occasioni: semplici pranzi di famiglia, compleanni, festività importanti, comunione, cresima, promozione a scuola…Momenti in cui familiari e parenti davano la “mancia”a figli e nipoti da mettere nella cassettina. Gesto molto sentito dagli adulti, perché la cultura del risparmio passasse come concetto basilare; contenti i bambini, impazienti di riempirla affinchè la mamma andasse in banca a depositare il gruzzoletto sul libretto e sentirsi “ricchi”. Non erano certo grandi somme, ma il messaggio era importante. Ricordo quando già sposate e con figli piccoli la domenica ci ritrovavamo a cena dalla mamma: salutandoci a fine serata, scambiando baci e abbracci con i rispettivi nipotini, era consuetudine dare a ognuno la mancetta, da mettere nella cassettina. Gesto d’affetto, rituale semplice e spontaneo che non si dimentica e che è sempre simpatico raccontare quando ci si ritrova in famiglia. Abitudini che cambiano, seguendo giustamente metodi più moderni di accantonamento dei risparmi, ma princìpi che dovrebbero restare. È invece sempre meno vissuta l’importanza del risparmio, sia perché oggi è obiettivamente più difficile riuscire a risparmiare( molti giovani sono disoccupati o hanno stipendi bassi e lavori precari, molte famiglie con un solo stipendio non arrivano a fine mese..) sia perché buona parte delle nuove generazioni vive più alla giornata, preoccupandosi un po’ meno di noi del futuro.
Ornella Olfi

Letto 98 volte
Devi effettuare il login per inviare commenti

Questo sito prevede l utilizzo dei cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Continuando la navigazione riterremo accettato il loro utilizzo

  
Privacy Policy