NewEntry.eu - VIOLA
Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

VIOLA

<<Viola è seduta sui gradini fuori dalla porta di casa sua, una vecchia porta in legno di colore marrone scuro. E’ buio, sono quasi le 23.00 e Viola sa già che dovrà essere a casa non più tardi delle 23.30, non vuole far arrabbiare sua mamma per l’ennesima volta.
Agosto sta per finire ma in montagna la sera tardi, fa già quasi freddo, così Viola indossa la sua felpa verde e bianca che aveva legato intorno ai fianchi prima di uscire di casa.
Sta chiacchierando con Chiara, la sua migliore amica, seduta due gradini sotto al suo.
Viola ha 14 anni, Chiara ne ha appena compiuti 16. Hanno ancora mezz’ora di tempo prima del coprifuoco, e così a bassa voce, quasi si sussurrano i loro segreti.
Che pace e che silenzio, si sentono solo i loro sussuri e i canti dei grilli in lontanza.
Il lampione davanti a casa di Viola illumina la stradina stretta e dissestata che porta verso i prati. L’estate sta per finire e Chiara a settembre dovrà ritornare in città prima che ricominci la scuola, le due amiche dovranno allontanarsi e non si rivedranno per parecchi mesi, ma si terranno sicuramente in contatto come lo scorso inverno, con le loro lunghe e interminabili lettere! Viola durante l’estate, per la prima volta, si è innamorata, ma non riesce a capire se questo amore è ricambiato. Ogni volta che Tommaso le si avvicina per rivolgerle la parola, sente il cuore batterle a mille e le “farfalle nello stomaco”! Non riesce a smettere di pensare a lui in ogni istante della giornata!
“Secondo me, Tommaso ha un interesse nei tuoi confronti ma non vuole ammetterlo!
Ma tu Viola devi dirgli ciò che provi!” - le consiglia Chiara, a bassa voce.
Viola, che pensa già che l’amore sia una cosa troppo complicata per la sua età, le risponde convinta: “No, non ce la faccio, che vergogna! Mi prenderebbe per una povera stupida!”
Eppure Viola sa che se non dirà nulla a Tommaso prima che finisca l’estate, lui se ne ritornerà al suo paese e poi chissà quando lo rivedrà! Viola sorride, e guarda l’orologio: “Caspita Chiara! Sono di nuovo in ritardo! Sono già le 23.45” La vecchia porta marrone si apre “Viola, entra immediatamente in casa, hai visto che ore sono?” - mamma Maria si è già accorta del ritardo e sono guai!
Viola entra in casa e sente una voce, in lontananza: “Dai mamma svegliati, papà ha già preparato la colazione!”
Viola apre gli occhi, stava sognando, si lava la faccia e si dirige verso la cucina.
“Buongiorno amore, ben svegliata!” le sussurra Tommaso>>
Barbara
http://blog.pianetamamma.it/mammababy/i-miei-racconti/

Letto 1822 volte
Altro in questa categoria: « ISTINTO CAMMINATORI »
Devi effettuare il login per inviare commenti

Questo sito prevede l utilizzo dei cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Continuando la navigazione riterremo accettato il loro utilizzo

  
Privacy Policy