NewEntry.eu - La spesa on-line fa flop in Italia
Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

La spesa on-line fa flop in Italia

Proprio così: la spesa on line fatica a decollare in Italia. Infatti, meno del 10% dei supermercati utilizza questo canale per incrementare le proprie vendite, e poco più del 12% degli italiani si avvale dell’e-commerce in generale. L’e-commerce viene utilizzato per circa il 65% per l’acquisto di servizi, contrariamente a quanto accade nel resto del mondo: negli Stati Uniti, nel Regno Unito, in Francia ed in Germania le vendite di prodotti, infatti, valgono circa il 60% del valore delle vendite on-line.
Anche in questi Paesi i prodotti maggiormente venduti, in termini di fatturato, sono quelli elettronici ed informatici (15-20%) ed abbigliamento (10-15%), ma i fatturati del comparto grocery (10% in UK e 5% negli altri mercati) e dei prodotti per la casa e per l’auto (7-8%) sono significativamente superiori a quelli realizzati in Italia. Ma quali sono i supermercati che, ad oggi, permettono di usufruire del servizio di vendita on-line?
Vediamoli insieme:
ESSELUNGA (www.esselungacasa.it): e’ il primo sito di spesa on line in Italia, presente in 21 province su 5 regioni – Lombardia, Veneto, Emilia, Romagna, Toscana e Piemonte -. Il cliente puo’ scegliere la data di consegna in una ‘finestra’ di 20 giorni successivi alla data dell’ordine, anche se ca. il 70% degli ordini viene effettuato oggi per domani. Il costo della consegna a domicilio alla fascia oraria richiesta e’ di 7,90 che diventano 1 euro se l’importo è superiore a 110 euro.
COOP (www.laspesachenonpesa.it): il servizio e’ attivo esclusivamente a Roma. Il contributo per il trasporto e’ di 6,50 euro.
BASKO (www.basko.it): operativo in Liguria dal 2003, nei comuni di Genova, Savona, Serra Ricco’, Campomorone e Mele.
PRONTOSPESA (www.prontospesa.it): anche in questo caso l’area coperta e’ quella del nord. Il supermercato, associato Crai, puo’ contare su 45/50 consegne al giorno. Il costo e’ di 6,90 euro per una spesa minima di 90 euro.
DRIVEAUCHAN (www.driveauchan.it): il servizio, che non prevede la consegna a domicilio, e’ gratuito e consente di ordinare la spesa on line 24 ore su 24, per poi passare a ritirarla vicino al punto di vendita.
Ricordiamo che in tutte le soluzioni sopra proposte, i costi di trasporto a domicilio sono gratis se a richiedere il servizio è un disabile.
Paolo

Letto 991 volte
Devi effettuare il login per inviare commenti

Questo sito prevede l utilizzo dei cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Continuando la navigazione riterremo accettato il loro utilizzo

  
Privacy Policy