NewEntry.eu - Minisanatoria Equitalia: sconto a chi paga prima!
Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Minisanatoria Equitalia: sconto a chi paga prima!

La Legge di Stabilità 2014 ha introdotto la definizione agevolata per le somme affidate a Equitalia in riscossione fino al 31 ottobre 2013. Si tratta della possibilità di pagare le cartelle e gli avvisi esecutivi in maniera ridotta senza gli interessi di mora e gli interessi per ritardata iscrizione a ruolo. Si possono quindi avere riduzioni sostanziose sulle cartelle relative a omessi pagamenti di multe, contravvenzioni, bolli auto, imposte per accertamenti fiscali ecc. Ma attenzione c’e tempo solo fino al 28 Febbraio 2014 e la procedura parte solo su richiesta del contribuente.
Per aderire infatti il contribuente non riceverà nessun avviso da Equitalia.  Bisogna verificare la propria situazione nel dettaglio, in quanto non tutti i tributi rientrano nella definizione agevolata . Inoltre  sono comprese  solo le tasse e multe già iscritte a ruolo entro lo scorso Ottobre.
E’ possibile richiedere tutte le informazioni sulla propria cartella agli sportelli di Equitalia della propria città. (vedi: www.gruppoequitalia.it)
Le modalità per l’agevolazione
Il contribuente deve dunque  individuare  l’importo dovuto e pagare in un unica soluzione entro il 28 febbraio 2014 :
     presso gli sportelli Equitalia oppure
    presso gli uffici postali con bollettino F35.

Le istruzioni specificano in un unica soluzione, intendendo in un unica rata per ogni cartella. Ciò non significa che si possono pagare più cartelle con lo stesso bollettino: è preferibile utilizzare un bollettino per ciascuna cartella o avviso che si vogliono sanare,  spcificando la dicitura “Definizione Ruoli - L.S. 2014” e indicando sempre il proprio CODICE FISCALE.
La definizione agevolata è applicabile anche in presenza di rateazioni, sospensioni giudiziali o situazioni debitorie complesse per le quali gli sportelli  sono disponibili a fornire la massima assistenza ai contribuenti che ne faranno richiesta.

Letto 1015 volte
Devi effettuare il login per inviare commenti

Questo sito prevede l utilizzo dei cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Continuando la navigazione riterremo accettato il loro utilizzo

  
Privacy Policy