NewEntry.eu - 215.000 imprese in attesa di pagamenti della PA
Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

215.000 imprese in attesa di pagamenti della PA

Entro il 30 aprile 2014 dovrà avvenire la certificazione dei crediti vantati dalle imprese nei confronti della PA, previste sanzioni per funzionari inadempienti. La soluzione all’annoso problema del ritardo nei pagamenti dalle PA alle aziende italiane è stata delineata nel disegno di legge varato dal Governo il 12 marzo, prevedendo l’intervento anche del sistema bancario e della Cassa Depositi e Prestiti (CDP). Nei giorni scorsi con una lettera inviata dall’Abi al Ministero dell’Economia le banche hanno dato il via libera all’operazione, consapevoli che nel momento in cui i crediti verranno effettivamente riscossi dalle imprese, queste ne utilizzeranno gran parte per ridurre i debiti verso le banche, consentendo alle aziende stesse di accedere al contempo a nuovi finanziamenti bancari.
Per quanto concerne i tempi, secondo il presidente della CDP, Franco Bassanini:
entro un mese dall’entrata in vigore della norma possano essere pagati i debiti di parte corrente che «non vengono contabilizzati nel Patto di stabilità interno.
C’è una ragione per farlo: poiché il Patto di stabilità interno serve a rispettare il Patto di stabilità europeo e poiché l’Europa ha già contabilizzato quei debiti, non ha nessun senso contabilizzarli di nuovo.
Ma bisogna anche stabilire in modo inequivocabile, prevedendo sanzioni serie per i funzionari che non lo faranno, che di fronte alla presentazione di una fattura l’amministrazione ha solo tre possibilità:  pagarla, certificarla, se la fattura è stata certificata ma non può pagarla subito; contestarla se la prestazione non è stata effettuata o non era in linea con il contratto.
Metterla nel cassetto non deve essere più un’opzione. Così come c’è una responsabilità penale per chi paga fatture per lavori non eseguiti o le paga due volte, ci deve essere una responsabilità anche per l’inerzia».
Fonte: pmi.it

Letto 1528 volte
Devi effettuare il login per inviare commenti

Questo sito prevede l utilizzo dei cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Continuando la navigazione riterremo accettato il loro utilizzo

  
Privacy Policy