NewEntry.eu - Il Fulmine del Catatumbo
Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Il Fulmine del Catatumbo

Il fulmine Catatumbo è un fenomeno meteorologico unico che si verifica nel bacino del lago di Maracaibo in Venezuela, ma soprattutto nel sud e centro di quel lago. Il suo nome deriva dal nome del fiume Catatumbo. Questo fenomeno è caratterizzato dalla comparsa di una serie di lampi quasi continui e silenziosi (soprattutto a grandi distanze), che viene prodotto da grandi nubi in sviluppo verticale ad arco elettrico tra 2 e 10 chilometri di quota (o più), come gli alisei penetra la superficie del lago nel pomeriggio (quando l’evaporazione è maggiore) e salgono il monte del sistema Perijá (di 3.750 m) e la Cordillera de Merida, filiale venezuelana delle Ande (fino a 5.000 metri, circa). L’origine di questo fenomeno è l’effetto orografico delle creste che tengono e rallentano gil alisei di nord-est che producono nubi di grande sviluppo verticale, concentrate principalmente nel bacino del fiume Catatumbo. Questo fenomeno è facile da vedere da centinaia di chilometri di distanza, cioè dal lago stesso (dove le nuvole si verificano di solito di notte) per cui è anche conosciuta come il Faro di Maracaibo, visto che le barche che sono molteplici nella zona possono navigare di notte senza problemi. E ‘un evento annuale di 260 notti, della durata fino a 10 ore al giorno e può essere visto, a volte producono un tasso di fino a 60 scariche al minuto. Se è vero che i temporali generano una grande quantità di ozono e che questo fenomeno Zulia ha la più alta densità di scariche elettriche in tutto il mondo con 181 downloads / km ² / anno, non è chiaro il comportamento successivo di questo ozono (così il suo trasferimento a strati superiori dell’atmosfera e la sua dissociazione) in modo che non si può pretendere di essere il più grande strato di ozono rigenerativa planetario, soprattutto se si considera che esistono altre aree con il più alto numero di download (anche se non con la densità sopra). Il primo documento che menziona il fulmine Catatumbo era il poema epico “Il Dragontea” di Lope de Vega, pubblicato nel 1597, che narra la sconfitta del pirata inglese Sir Francis Drake per il sindaco di Nombre de Dios, Diego Suarez de Amaya. Prussiano naturalista ed esploratore Alexander von Humboldt lo descrive come “esplosioni elettriche sono come …”, brillantezza fosforescenti poi all’esame del geografo italiano Agostino Codazzi come un” flash continuo che sembra provenire Zulia Fiume e dintorni “.
Tra i principali studi moderni c’è quello intrapreso da Melchor Centeno, che attribuisce l’origine dei temporali alla circolazione eolica nella regione.
Tra il 1966 e il 1970, lo scienziato Andrew Zavrostky con assistenti dell’Università delle Ande, ha fatto tre spedizioni a Santa Barbara del Zulia con cui si conclude che il luogo avrebbe epicentri diversi nelle paludi del Parco Nazionale Palude Juan Manuel de Aguas acque reflue chiare e ovest del lago di Maracaibo. E nel 1991 suggerisce che il fenomeno si verifica per la riunione di correnti d’aria fredda e calda, senza scartare l’uranio eventuale agente cocausal, anche se quest’ultimo fatto non più di mera speculazione.
Tra il 1997 e il 2000, un team guidato da Nelson Falcón, dell’ Università di Carabobo, in diverse spedizioni, localizza gli epicentri del fenomeno all’interno della Cienaga de Juan Manuel, e fece la prima identificazione del modello del lampo Catatumbo e individuò nel metano una delle cause principali del fenomeno, anche se è un modello generale di elettrificazione delle nubi, ancora da confermare da misurazioni precise all’interno delle nuvole di fulmini. Il Metano appare anche associato alla Titan Lightning (satellite di Saturno) ed è collegato ad altre aree di attività electroatmosferica come la Florida meridionale e centrale. In questo modello il metano non viene solo dalle paludi del sud del lago, ma anche da crepe nel manto roccioso, ricco di kerogene III, un prodotto associato a grandi depositi di idrocarburi leggeri, comune nel bacino del lago di Maracaibo. A differenza di altre ipotesi, questo è un modello quantitativo e un approccio fisico allo scarico osservato, è una teoria e non una mera congettura sullo “shock” di fronti freddi e l’aria calda che spiegano le precipitazioni (pioggia), ma non permanente e insolita attività elettrica osservato. Il Lampo non è stato visto dal gennaio 2010, il più lungo periodo senza lampi visibile in quasi un secolo, a causa della grave siccità che ha colpito il Paese, facendo temere fosse andato per sempre. Tuttavia, studi condotti per determinare se ci fossero mancanti o non, ha dimostrato che non aveva cessato l’attività, avevano solo cessato di essere visibile ad occhio nudo, infatti, non aveva lasciato cadere la sua solita scossa elettrica. Il 5 settembre 2011, il fulmine divenne molto forte.

Letto 1098 volte
Devi effettuare il login per inviare commenti

Questo sito prevede l utilizzo dei cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Continuando la navigazione riterremo accettato il loro utilizzo

  
Privacy Policy