NewEntry.eu - Chi ama torna sempre indietro di Guillame Musso
Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Chi ama torna sempre indietro di Guillame Musso

L’autore è nato ad Antibes  nel 1974. I suoi romanzi hanno venduto tre milioni di copie nella sola Francia e sono tradotti in ventisette lingue.  L’uomo che credeva di non avere più tempo (2005)è il suo romanzo d’esordio  ed è un bestseller internazionale, altrettanto successo ha riscosso La donna che non poteva essere qui (2006). Altre opere dell’autore: Quando si ama non scende mai la notte ( 2007), Ti vengo a cercare (2008), Perché l’amore qualche volta ha paura (2010), La ragazza di carta (2011), Il richiamo dell’angelo (2012). Chi ama torna sempre indietro è stato ai vertici delle classifiche dei libri più venduti in Francia e pubblicato in 18 Paesi.
Quasi tutte le sue storie sono state fatte oggetto, o sono in procinto di esserlo, di adattamenti cinematografici.
Il più grande rimpianto di Elliot: aver perso l’unica donna che avesse veramente amato: Ilena.
Il suo desiderio più grande: poterla rivedere. Settembre 2006. Elliot, sessantenne, è uno stimato chirurgo pediatrico che vive a San Francisco e che da pochi mesi ha scoperto di avere un tumore ai polmoni ad uno stadio in cui nessuna cura  è più possibile. Il suo destino é segnato; sarebbe morto di lì a qualche mese. Non teme il dolore, la sua principale preoccupazione è la reazione di Angie, la figlia ventenne, che studia a New York e quella di Matt, l’amico fraterno con quale ha sempre condiviso tutto. Ogni anno si reca per diverse settimane in Africa o in Asia per conto della Croce Rossa. Durante l’ultimo soggiorno in Cambogia, dopo aver operato un bambino di palatoschisi, viene invitato dal vecchio capo del villaggio nella propria abitazione. Qui, dopo averlo ringraziato per aver ridato il sorriso a Lu-Nan, gli chiede: “Se avesse la possibilità di esaudire un desiderio, quale sceglierebbe?” Elliot, vinto dalla stanchezza e da un’emozione imprevista, sussurra: “Vorrei rivedere Ilena”. “E dove si trova” chiese l’altro.  “E’ morta” risponde lui. Il vecchio kmer, aggrottando la fronte, rovista tra varie cianfrusaglie, prende un flaconcino di vetro contenente dieci pillole dorate e gliele dona. Con quelle potrà viaggiare a ritroso nel tempo, rivedere la sua donna e forse mutare il destino che li ha separati. Elliot fa ritorno a San Francisco e riprende la sua routine tra casa e ospedale. Nonostante una vita trascorsa in corsia, ancor’oggi, le sue giornate sono buone solo quando riesce a salvare delle vite umane; non si è ancora abituato a vivere il suo lavoro con distacco professionale. In una tasca ritrova il flaconcino delle pillole e rigirandolo tra le mani è tentato: berle, non berle, è scettico, ma alla fine si decide e ne ingoia una. Si addormenta e per una strana alchimia si trova nell’aeroporto di San Francisco nel 1976 ed incontra se stesso, L’Elliot  trentenne. Questi è appena arrivato da Miami dove é andato a trovare Ilena, la donna che ama. La loro è una storia complicata. Lei vive in Florida, lui a San Francisco. Il loro amore deve fare i conti con quattro fusi orari e con i quattromila chilometri che separano la costa est da quella ovest. Lui è ben integrato nel suo ambiente professionale sulla costa pacifica e lei lo è altrettanto sulla costa atlantica dove, essendo veterinaria, si occupa di orche e delfini presso il parco marino di Orlando e si dedica attivamente anche alle campagne di Greenpeace. I due giovani hanno una vita piena dove non c’è spazio per la noia. Ogni volta che s’incontrano si rinnova la forza del loro amore, tuttavia ogni nuova separazione diventa più intollerabile della precedente. Ilena, prima di accomiatarsi in aeroporto,  rinnova nuovamente ad Elliot il suo desiderio di avere un figlio ma lui, come sempre, è restio; non si sente ancora pronto.
I due Elliot si scrutano al bancone del bar; il giovane è perplesso, la persona che ha di fronte gli sembra suo padre. Impossibile! E’ morto da tempo. L’altro lo illumina spiegandogli che viene da futuro ed è lui come sarà a sessant’anni.
Questo é il primo viaggio a ritroso nel tempo, ce ne saranno altri per cercare di modificare gli eventi: sarà possibile o utopistico? E a quale prezzo?........
L’autore ci ha abituati a storie in cui fonde abilmente i sentimenti con i desideri ed in questa, che si snoda in due periodi temporali diversi, con il presupposto fantasioso dei viaggi nel tempo, racconta una delicata e commovente storia d’amore e d’amicizia. L’amore mai sopitosi del protagonista per la compagna, l’amore di padre, di cui non si credeva capace e dell’amicizia profonda, unita alla fiducia incondizionata che, nonostante tutto, l’ha legato all’amico Matt.
Un libro piacevole e scorrevole che fa riflettere sull’importanza di vivere appieno la vita perché nella realtà, anche se si ama e lo si desidera intensamente, non si può tornare indietro.
Gaboardi Angela

Letto 957 volte
Devi effettuare il login per inviare commenti

Questo sito prevede l utilizzo dei cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Continuando la navigazione riterremo accettato il loro utilizzo

  
Privacy Policy