NewEntry.eu - Grecia: il punto della situazione

Grecia: il punto della situazione

Negli ultimi due anni da Atene sono giunte notizie tali da far accapponare la pelle. Già nel 2011 le politiche della Troika avevano fatto chiudere 1 negozio su 4: oggi ne sono rimasti la metà, rispetto al periodo pre-crisi. La situazione è peggiorata e sta peggiorando progressivamente e inesorabilmente: esattamente quello che - in tono minore, almeno per ora - sta accadendo da noi. Hanno licenziato migliaia di statali, ridotto all’osso gli stipendi, tagliato del 25% anche le pensioni da 700€ al mese, e messo in vendita i propri gioielli (è recente la messa sul mercato di 110 bellissime spiagge, che diventeranno i “lidi privati” dei lobbisti, magari i responsabili della situazione greca.)  Bambini abbandonati dai genitori disperati che non sanno come sfamarli e prendersi cura di loro: i casi di questo tipo sono in costante aumento, come lo è il numero dei senzatetto. Secondo i dati Unicef il 30% dei bambini greci vive in condizioni di povertà.  La fila dei disperati che chiedono un pezzo di pane agli enti caritatevoli si allunga di giorno in giorno. Quando al mercato è stato distribuito cibo gratis, per accaparrarsi una busta di alimenti è finita in ressa: scene che fino a qualche anno fa credevamo di non dover vedere in un paese dell’UE. C’è chi è arrivato a inocularsi il virus dell’HIV per ammalarsi e ottenere il sussidio di 700€ previsto per i malati (con il concreto rischio che questo tipo di aiuti sia prossimamente eliminato...)  Sono inevitabilmente aumentati i furti, lo spaccio di droghe pesanti - con la diffusione della ‘sisa’, la droga dei poveri, una sostanza micidiale - e tutti reati di allarme sociale, compresi i crimini violenti. La polizia reprime sempre più duramente anche i reati minori o indotti da uno stato di effettiva necessità e indigenza: la giustizia è allo sbando, abusi di potere e violenze sono sempre più frequenti e diffusi, come dimostrano anche le persecuzioni, mediante false accuse, perpetrate a danno degli euroscettici. Il sistema sanitario è al collasso: alcuni ospedali sono “autogestiti”, ogni giorno 2.300 greci perdono la possibilità di curarsi, alcune case farmaceutiche hanno interrotto le forniture di farmaci antitumorali a causa di insolvenze. E’ di un mese fa la notizia di un paziente che, giunto in sala operatoria, è stato riportato in corsia perché si sono accorti che non fosse assicurato; ormai nemmeno i malati di epatite vengono curati se sprovvisti di assicurazione. La mortalità infantile è quasi raddoppiata nel giro di pochi anni.  Le condizioni di lavoro - che dagli anni 80’ fino al 2000 erano migliorate sensibilmente e costantemente - sono regredite a livelli da medioevo: i “contratti di lavoro” sono carta straccia, chi vuole lavorare deve accettare stipendi di poche centinaia di euro ed essere disposto a lavorare tutto il giorno a ritmi serrati, senza nessun diritto, ne garanzia: e la povertà ha fatto tornare di moda addirittura il baratto.  Molte persone non hanno capito ciò che è avvenuto in Grecia: ovvero la causa del disastro. I cosiddetti “mercati” hanno messo in ginocchio il paese imponendo un tasso di interesse sul debito pubblico (sui titoli di stato) che sarebbe insostenibile per qualsiasi nazione del mondo. Quando lo spread italiano superò quota 500 punti, in Grecia è arrivato a 1.500! Tradotto in soldoni, l’Italia doveva pagare un tasso di interesse superiore al 6% sui titoli di stato, la Grecia addirittura il 15%! La disfatta della Grecia è stata decisa a tavolino: una sorta di “esperimento” per capire a che livello possono spingersi e verificare quali sono le reazioni dei cittadini. E la maggioranza dei cittadini greci non ha compreso cosa è accaduto: certo, hanno contestato le politiche della Troika e il governo che le ha imposte, ma un po’ come da noi, i cittadini attribuiscono la responsabilità al governo, alla malapolitica, a sprechi-corruzione-evasione, etc. e la “valvola di sfogo” di molti greci sono gli stranieri: bersaglio preferito dei neonazisti di Alba Dorata...
A cura di redazione nocensura.com

Letto 1678 volte
Devi effettuare il login per inviare commenti

Link utili

Questo sito prevede l utilizzo dei cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Continuando la navigazione riterremo accettato il loro utilizzo

  
Privacy Policy