NewEntry.eu - Bisogna ridere prima di essere felici, per paura di morire senza avere riso”. Jean de La Bruyère, I caratteri, 1688
Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Bisogna ridere prima di essere felici, per paura di morire senza avere riso”. Jean de La Bruyère, I caratteri, 1688

AMICI ASSESSORI
Due grandi amici studiavano insieme all’università. Dopo aver terminato gli studi trovano entrambi lavoro come assessori ai trasporti, ma in due comuni diversi. Dopo qualche anno uno decide di invitare l’altro a casa sua. Quando l’invitato arriva vede una villa immensa, con un giardino bellissimo con intorno animali esotici che passeggiano qua e là, poi vede che il suo amico ha 5 macchine sportive una più costosa dell’altra, e così via. Allora l’ospite stupito chiede al padrone di casa: “Ma come hai fatto a diventare così ricco in così poco tempo, mentre io sono poco più di un poveraccio?” Al che il suo amico riccone gli ribatte: “Come sai bene sono l’assessore ai trasporti in questo comune” E l’altro: “E allora? Anch’io sono un assessore...” “Sì, ma vedi quella strada lì in fondo?” “Sì!” “Vedi, è bastato farla un po’ più stretta e usare materiali un po’ più scadenti...” Allora il suo amico più povero risponde: “Ah, adesso ho capito tutto!!!”. Dopo qualche anno, quest’ultimo decide di invitare il suo amico ricco a casa. Quando questo arriva a casa dell’amico una volta povero, vede un supercastello, con i giardini pensili, immensi boschi, centinaia di servitori, un enorme parco macchine, un jet privato ed un elicottero, allora stupefatto chiede al suo amico prima povero come abbia fatto a diventare così sfacciatamente ricco. Al che il suo amico gli risponde: “Come sai anch’io sono l’assessore ai trasporti” “E allora?”, risponde il primo ancora sotto shock per quello visto “E allora, vedi quell’autostrada lì in fondo?” “No!” “Appunto!!!”
OTTIMISMO
Un tizio è da sempre un irriducibile ottimista, qualsiasi cosa accada lui esclama sempre ‘poteva andare peggio’. Un bel giorno i suoi amici decidono di fargli uno scherzo e metterlo in condizione di non poter affermare che “poteva andare peggio”. Quindi, riuniti al bar, uno gli dice: “Hai sentito di Mario?”. Lui: “No, che e’ successo?”. L’amico racconta che questo Mario, in tarda mattinata è tornato a casa prima del solito, ha trovato la moglie a letto con un altro, ha perso il controllo ed ha ammazzato l’amante della moglie, poi, disperato, ha ucciso anche la moglie e quindi si è impiccato al lampadario dopo aver incendiato la casa. Il tizio, imperturbabile, esclama: “Beh, poteva anche andare peggio”, “MA COSA DICI !” gridano i suoi amici “come poteva succedere qualcosa peggio di questa grave tragedia!!”. Sempre composto l’ottimista dice: “Se Mario fosse rientrato a casa ieri sera, a letto con sua moglie c’ero IO !!!”

IN COMUNE
Una signora va in Comune, seguita da 15 bambini. Vuole chiedere una sovvenzione governativa per famiglie numerose. “Oh!”, dice l’impiegata allo sportello, “Sono tutti suoi?” “Sì, sono tutti miei!”, dice la madre, scocciata perché ha sentito questa domanda già mille volte. Torna dai bambini e comanda: “Siediti, Andrea!”, e tutti i bambini si siedono. “Allora”, dice l’impiegata, “Compiliamo insieme questa richiesta. Prima di tutto ho bisogno dei nomi di tutti i bambini!” “Questo è il più vecchio – si chiama Andrea!” “Bene. Il prossimo?” “Anche questo qua si chiama Andrea!” L’impiegata alza il sopracciglio. E scrive un figlio dopo l’altro: i quattro più vecchi si chiamano tutti Andrea. Poi viene la figlia la più vecchia; anche lei si chiama Andrea. “Ho capito”, dice l’impiegata, “Lei ha chiamato ‘Andrea’ tutti i suoi figli!?” “Sì, questo semplifica molto le cose. Quando è ora che i bambini si alzino e vadano a scuola, io grido: ‘Andrea! Alzarsi!’ E se la cena è pronta, anche in quel caso grido solo: ‘Andrea! Mangiare!’. E se uno dei bambini vuole correre sulla strada io grido solamente: ‘Andrea! Stop!’ e tutti i bambini si fermano. Dare a tutti bambini il nome ‘Andrea’ è stata l’idea migliore delle mia vita!” L’impiegata riflette un momento, aggrotta le sopracciglia e domanda pensosa: “E che cosa succede se lei vuole chiamare solamente un bambino e non tutta la truppa?” “Molto semplice: lo chiamo con il suo cognome!

LO PSICHIATRA
Un tizio va dallo psichiatra e gli dice: - ‘Mia moglie soffre di manie di persecuzione’. - ‘E come si manifesta questa malattia?’ domanda il dottore. - ‘Ha sempre paura che le venga rubato qualcosa. Pensi che ieri ho trovato un uomo nell’armadio in camera da letto; l’aveva messo li’ lei per fare la guardia ai suoi vestiti!’.

Letto 1196 volte
Devi effettuare il login per inviare commenti

Questo sito prevede l utilizzo dei cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Continuando la navigazione riterremo accettato il loro utilizzo

  
Privacy Policy