NewEntry.eu - Ricordi de Nedal
Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Ricordi de Nedal

Ricordi de Nedal

Sére ‘na gnara smaturida, nel bèl mèss
dè chè l’età balurda gna té gna mé
So madürada ‘n dè ‘na frèda nòt dè dézèmber
quant ta sét mancàt té, bubà,
‘na setimana prima dè Nedal
Jéra nel bèl mèss  dè chèl’età balurda i mé fiöi
jè madüracc ‘n dè ‘na frèda matina dè dézèmber
quant ta sét mancada té, mé sorèla
e zia prefèrida dai tò niùcc,
tre setimane prima dè Nedal    
Som ormai töcc madür, mé e i mé fiöi,
ma serem gnamò proncc istès
a salüdat per l’ültima òlta,
‘n chela calda nott dè agost,
quant ta sét mancada té, mama.
Trop Nedai coi vòs  posti vöcc ‘nturèn a la taula
büs nèl cör scundicc da ‘na ridida malincuniusa
ogni Nedal, isé bé chè Ta sé apena nasìt, metom
nèle tò mà i nos dulùr :con Te i sa slésérés
Ma ogni Nedal sensa dè lur l’è ‘n bucù amar dè mandà zó.

Ricordi di Natale

Ero una ragazza immatura, nel bel mezzo
di quell’età strana, né si né no,
sono maturata in una fredda notte di dicembre,
quando sei morto tu, papà,
una settimana prima di Natale.
Erano nel bel mezzo di quell’età strana i miei figli,
sono maturati in una fredda mattina di dicembre
quando sei morta tu, mia sorella
e zia preferita dai tuoi nipoti,
tre settimane prima di Natale.
Siamo ormai tutti maturi, io e miei figli,
ma non eravamo ancora pronti lo stesso
a salutarti per l’ultima volta,
in quella calda notte d’agosto,
quando sei morta tu, mamma.
Troppi Natali con i vostri posti vuoti intorno al tavolo, buchi nel cuore nascosti da una risata malinconica. Ogni Natale, anche se sei appena nato, mettiamo nelle Tue mani i nostri dolori: con Te si alleggeriscono. Ma ogni Natale senza di loro è un boccone amaro da inghiottire.        Olfi Ornella

Letto 1450 volte
Devi effettuare il login per inviare commenti

Questo sito prevede l utilizzo dei cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Continuando la navigazione riterremo accettato il loro utilizzo

  
Privacy Policy