NewEntry.eu - Il Colle Palatino
Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Il Colle Palatino

La battaglia infuriava sulle rive del Tevere. Turno, re dei Rutuli, uomo assai forte, combatteva contro le forze di Enea e dei Latini, minacciando morte e rovina all’eroe troiano e ai suoi alleati. Improvvisamente gli si fece incontro un giovanetto bello e ardito, armato di una lunga asta di frassino, ferrata sulla punta. «Fatti indietro, fanciullo» gridò Turno infuriato «se non vuoi che io ti trapassi con la mia lancia! Questa non è una battaglia per ragazzi».
Ma Pallante, il giovane guerriero, infiammato d’amore per la sua terra, gli lanciò contro senza paura la sua arma, con tutta la forza dell’entusiasmo giovanile, sicuro di colpire a morte il feroce guerriero. L’asta rimbalzò sullo scudo del nemico e cadde a terra rompendosi in più pezzi. Subito Turno scagliò la sua arma, ben più possente, che trapassò lo scudo e ferì a morte il giovanetto, colpendolo al cuore. Finita la battaglia, Evandro, il padre di Pallante, depose la salma del figlio in una tomba scavata nella roccia e vi pose accanto una lampada accesa. Chiuse la sepoltura e piantò dei cespugli di corbezzolo sul tumulo, perché nessuno potesse trovare la tomba e violare il riposo di Pallante.
Passarono i secoli. Sorse e fiorì la potenza di Roma, e successivamente i barbari invasero la nostra terra, mettendo tutto a ferro e fuoco.
Un giorno, cercando tesori nascosti, alcuni guerrieri barbari strapparono i corbezzoli che coprivano l’antica tomba e aprirono la sepoltura. Rimasero di sasso. La lampada ardeva ancora, dopo tanti secoli, presso il corpo intatto del giovinetto morto per la libertà della sua patria. Presi da grande terrore e riverenza, i predoni riposero la lampada al suo posto e richiusero la tomba senza toccare nulla.
Questa fiamma, affermano i Romani, continua ancora a splendere nelle viscere del Colle Palatino, quale segno vivente della civiltà latina.

ALEX SENONER 2000/2001
Fonte: www.schule.suedtirol.it

Letto 1214 volte
Devi effettuare il login per inviare commenti

Questo sito prevede l utilizzo dei cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Continuando la navigazione riterremo accettato il loro utilizzo

  
Privacy Policy