NewEntry.eu - Casa oda
Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Casa oda

CASA ÖDA
Spartìt a metà 'l mé cör.
Sberlöcie 'n ogni cantù dè casa.
'na sfilsa dè ricordi i ma brassa sö.
Ùs dè pütì smaturìcc tra béghe e ridide,
 moimènt e cunfusiù tra cümmartèi e zögade.
Adès, öt dè süsür, öt dè ùs, öt dè töt,
dopo 'l sammartì dè argü e l'adio dè argü óter...
Urgugliusa dei  fiöi deentacc òm,
malincuniusa per agn ulàcc vià 'n dè 'n amen.
Nèle fotografie dè jér ritroe la mé zoentü,
ma sensa  rimpianzer trop 'l tép scurìt dèonda..
Mèi ardà aànti, égnarà  ùs nöe dè niucc
a 'mpienéser amó la casa come 'n olta.
Entat sare j-öcc è ringrasie per 'l bé risiìt,
nüssü i pöl portam vià chèl che tègne scundìt,
sfrasàt bé 'n del mé cör, per cunsulam
quant l'ombra dè la sera la somèa pö negra
CASA VUOTA
Diviso a metà il mio cuore.
Occhieggio in ogni angolo di casa.
Una sfilza di ricordi mi abbracciano.
Voci di bambini spensierati tra liti e risate,
movimento e confusione tra capitomboli e giocate.
Adesso, vuoto di rumori, vuoto di voci, vuoto di tutto, dopo l'arrivederci di qualcuno
e l'addio di qualcun altro...
Orgogliosa dei figli diventati uomini,
malinconica per anni volati in un amen.
Nelle fotografie di ieri ritrovo la mia gioventù,
ma senza rimpiangere troppo il tempo trascorso veloce. Meglio guardare avanti, verranno voci nuove di nipoti a riempire ancora la casa come una volta.
Intanto chiudo gli occhi e ringrazio per il bene ricevuto, nessuno può portarmi via ciò che tengo nascosto, stretto bene nel mio cuore, per consolarmi
quando l'ombra della sera sembra più nera.
Ornella Olfi

Letto 1275 volte
Altro in questa categoria: « Sospensione mutui Luoghi »
Devi effettuare il login per inviare commenti

Questo sito prevede l utilizzo dei cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Continuando la navigazione riterremo accettato il loro utilizzo

  
Privacy Policy