NewEntry.eu - Prevenzione dentale

Prevenzione dentale

Prima di parlare di prevenzione è importante chiarire il concetto di malattia. In linea di massima per malattia si intende una condizione in cui il normale equilibrio funzionale di quell’organo è alterato. Lo stato di salute, invece, è uno stato di benessere fisico, psichico e sociale e non semplicemente l’assenza di malattia o infermità. Come per la malattia, anche per la salute, vi sono diversi livelli di benessere.
Fra salute e malattia, dunque, non vi è una linea sottile di separazione ma uno spazio più o meno ampio in cui avvengono delle trasformazioni che precipitano fino ad una condizione da cui è difficile o impossibile il guarire. Quante volte abbiamo detto o sentito la frase “prevenire è meglio che curare”, non osiamo nemmeno ripeterla per paura di essere guardati con sufficienza. Più interessante è dire “prevenire è curare”  lo stato di salute e, dunque, migliorare lo stato di benessere, tenendosi lontano dal rischio di ammalarsi.
Poiché le malattie della bocca e dei denti più frequenti restano le carie dentali e le malattie paradontali è ancora oggi importante parlare di prevenzione in campo odontoiatrico. Si distingue una prevenzione primaria che intende l’eliminazione dei fattori di rischio, una prevenzione secondaria che significa diagnosi e dunque terapia di una patologia allo stato iniziale, mentre per prevenzione terziaria si intende la riabilitazione dopo che si è avuto un danno per una determinata patologia.
Il primo passo per prevenire la carie, soprattutto nei bambini, è valutare il “rischio di carie”. Oggi ciò è possibile con un metodo facile e non invasivo rappresentato dai test salivari e dall’indicatore di placca. Con i test salivari si valuta la quantità di flusso salivare, il potere tampone, cioè la capacità difensiva dagli acidi batterici e la quantità dei batteri responsabili delle carie dentali. Con l’indicatore di placca (delle compresse colorate, che sciolte in bocca si legano alla placca) è possibile visualizzare le zone dei denti dove la placca batterica si accumula in maggiore quantità e dunque più a rischio di sviluppare patologie cariose.
Il secondo passo è quello di eseguire una prevenzione primaria e cioè di correzioni delle abitudini alimentari errate (caramelle e dolciumi, eliminazione della placca (insegnare il corretto spazzolamento dei denti dopo ogni pasto), somministrazione di fluoro e applicazione di sigillanti, che riducono l’accumulo di placca nei solchi dei denti molari.
Il terzo passo è quello di eseguire una prevenzione secondaria attuando una diagnosi precoce che mette in evidenza le lesioni cariose allo stadio iniziale.
Il quarto passo è quello della prevenzione terziaria, intervenendo sul dente, ormai cariato, ma in modo minimamente invasivo, preservando il tessuto sano residuo.  Eliminare la placca diventa l’imperativo, la condizione essenziale per mantenere i denti sani. Questa sostanza, che è formata dai residui di cibo e dai batteri e dai prodotti (acidi) che essi formano dal loro metabolismo, è la causa aggressiva che provoca l’attacco allo smalto. La placca, a causa del deposito dei sali di calcio, diventa tartaro, che causa un’infezione cronica delle gengive e dunque la paradentite che porta alla perdita dell’osso alveolare e, dunque, alla caduta del dente. Per prevenire ciò, bisogna fare delle sedute ogni 6 mesi dal dentista. Grazie al detartrase ed al curettage (eliminazione del tartaro dalle tasche paradontali) è possibile controllare tale patologia, che è ancora più subdola rispetto alla carie e spesso il paziente ne viene a conoscenza quando è troppo tardi.  Nonostante si parli di prevenzione già da molti anni, ancora oggi arrivano negli studi casi in cui l’unica soluzione è l’estrazione del dente e la protesi: per questo il nostro studio ha sposato la missione di fare prevenzione dentale tutto l’anno e visto il successo con cui ciò è stato accolto, ci stiamo riproponendo di farlo anche in futuro perché il fine di ogni professionista nel campo della salute è di mettere il tassello affinché il mosaico del benessere sociale non venga mai meno ma sia il vero scopo del suo operato.
Dott. Santorsola Francesco   

Letto 1695 volte
Devi effettuare il login per inviare commenti

Questo sito prevede l utilizzo dei cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Continuando la navigazione riterremo accettato il loro utilizzo

  
Privacy Policy