NewEntry.eu - Fisco e Tasse
Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Fisco e Tasse

Congedo parentale a ore

Il congedo parentale potrà essere fruito anche a ore ma, se non regolato dalla contrattazione collettiva,  riguarderà solo metà dell’orario di lavoro. Questa la principale novità  chiarita dalla circolare INPS n. 152  2015,  lungamente attesa, che chiarisce le modalità di richiesta e fruizione del congedo parentale  su base oraria come regolato dal DL 80/2015 attuativo del Jobs Act.  Nella fase iniziale dovranno essere inoltrate domande separate, con il modello specifico  fornito dall’INPS, per ogni mese di fruizione  e sarà possibile in casi particolari anche  iniziare la fruizione  del congedo parentale il giorno stesso  della  domanda . La presentazione della domanda ( telematica, via Contact Center o tramite Patronati) è possibile già da ora

Aumento Iva: maxi stangata

Carlo Renzi, il presidente del Codacons (Coordinamento delle Associazioni per la Difesa dell’Ambiente e dei Diritti degli Utenti e dei Consumatori), ha affermato che da settimane il Governo parla di tagli alle tasse, in particolare Imu e Tasi, ma nulla si dice sulla copertura che serve per “assorbire” questa riduzione di gettito, in considerazione anche della clausola di salvaguardia contenuta nella scorsa Legge di Stabilità. Si ricorda infatti che è previsto l’aumento dell’Iva dal 22% al 24% a decorrere dal 2016, al 25% dall’1.1.2017 e al 25,5% dall’1.1.2018. Se così fosse l’Italia salirebbe ai vertici dei paesi europei, con l’aliquota Iva più alta, superando Danimarca e Svezia (che hanno aliquota al 25%), e arrivando al secondo posto dopo l’Ungheria (aliquota 27%). Questo comporterebbe una “maxi stangata” per gli italiani, stimata in 791 Euro a famiglia nel 2018 e un calo dei consumi del 2%.
Fonte: Il Sole 24 Ore

Scaglione e aliquote IRPEF 2015

L’imposta viene calcolata in rapporto all’ammontare del reddito del contribuente, applicando aliquote diverse per scaglioni di reddito, la somma delle imposte dovute sui diversi scaglioni di reddito costituisce l’imposta lorda.
Aliquota
Imposta dovuta sui redditi intermedi (per scaglioni) compresi negli scaglioni fino a 15.000 euro -  23% del reddito
da 15.001 fino a 28.000 euro  27%
3.450,00 + 27% sulla parte oltre i 15.000,00 euro
da 28.001 fino a 55.000 euro  38%
6.960,00 + 38% sulla parte oltre i 28.000,00 euro
da 55.001 fino a 75.000 euro 41%
17.220,00 + 41% sulla parte oltre i 55.000,00 euro
oltre 75.000 euro, 43%
25.420,00 + 43% sulla parte oltre i 75.000,00 euro
 
Esempio: se il reddito imponibile annuo per il 2014 è di 24.000,00 euro, quindi rientrante nel 2° scaglione di reddito, l’importo dell’IRPEF lorda sarà dato dalla somma di:
15.000,00 euro * 23% = 3.450,00 euro e la parte del reddito imponibile eccedente il limite inferiore del 2° scaglione moltiplicato per l’aliquota corrispondente, ovvero 27% sulla parte oltre i 15.000,00 euro (24.000,00 - 15.000,00 = 9.000,00) = 2.430,00 euro per un totale di 5.880,00.

Letto 1000 volte
Altro in questa categoria: « Quiz
Devi effettuare il login per inviare commenti

Questo sito prevede l utilizzo dei cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Continuando la navigazione riterremo accettato il loro utilizzo

  
Privacy Policy