NewEntry.eu - Non smetterai di ridere...
Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Non smetterai di ridere...

Marito e Una coppia di fidanzati decide di sposarsi, ma hanno ambedue alcuni timori... Lui si rivolge al padre: “Papà, sono preoccupato per il mio matrimonio... Io la amo tanto, però i miei piedi puzzano tantissimo e non vorrei che lei mi lasciasse per questo!”. “Non c’è problema” fa il padre “Basterà che ti lavi i piedi ogni volta che puoi e dovrai sempre tenere su le calze, anche a letto!”. Così il ragazzo si tranquillizza... Lei invece si rivolge alla madre: “Mamma, quando mi sveglio ho sempre un alito orribile, talmente orribile che ho paura che il mio futuro marito mi lascerà per questo oppure non vorrà più dormire con me!”. La madre le consiglia: “Basta che il mattino, appena ti svegli, corri a lavarti i denti. Non devi assolutamente dire una sola parola fino a che non li avrai lavati!”. Anche se sa che sarà difficile, la ragazza si consola un po’. Così infine si sposano e seguono entrambi i consigli ricevuti: lui indossa perennemente le calze e lei tace ogni mattino finché non si è lavata i denti. Va tutto bene per sei mesi, finché un mattino, lui si sveglia e scopre di aver perso un calzino. Si mette a cercarlo freneticamente tra le lenzuola, ma la moglie si sveglia e, senza pensarci, gli chiede: “Che stai facendo?”. “Oh Dio! “ fa lui “hai ingoiato il mio calzino!”

Due amici, uno pescatore e uno cacciatore, si narrano ogni volta le rispettive avventure, ma con gli anni sparano frottole sempre più grosse. Un giorno decidono di dirsi per il futuro sempre la verità. Giorni dopo si vedono e il pescatore racconta: “Ieri sono stato a pescare e ho preso un’anguilla di 20 metri!”. “Boom!”. “Ma eravamo d’accordo che nessuno metteva in dubbio i racconti dell’altro”. “Va bene, ci credo”. È la volta del cacciatore di raccontare le sue avventure: “Ieri sono stato sui monti e ho abbattuto un alce enorme, ma sono stato sorpreso dal guardiacaccia e quindi gli ho dovuto sparare”. “Ma cosa mi dici?”. “Certo! Poi sono scappato in auto, ma mi ha fermato la polizia e allora sono stato costretto a sparare pure a loro”. “Ma va là, ma cosa mi dici?”. “E poi mi sono nascosto in un bar e sono stato circondato da una folla che mi voleva linciare; allora ho preso il fucile...”. “E la miseria! Non mi vorrai far credere che...”. E il cacciatore: “Senti, o accorci l’anguilla o faccio una strage!”.

Letto 1099 volte
Devi effettuare il login per inviare commenti

Questo sito prevede l utilizzo dei cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Continuando la navigazione riterremo accettato il loro utilizzo

  
Privacy Policy