NewEntry.eu - Calvizie femminili
Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Calvizie femminili

In genere le donne hanno meno problemi di caduta dei capelli rispetto all’uomo. Questa protezione è dovuta all’azione degli ormoni femminili, gli estrogeni, che contrastano l’azione degli androgeni, responsabili delle calvizie.
Anche se più protetto anche il sesso femminile non è immune da calvizie e da altri problemi dei capelli. Infatti rispetto al maschio la donna si sottopone a un numero maggiore di trattamenti estetici come permanenti, tinture, decolorazioni, che rendono il fusto del capello arido e opaco e alla lunga possono indebolire anche la radice. Sconsigliamo di pettinare i capelli  con troppa energia e di tenerli eccessivamente tirati indietro o in alto perchè con il tempo ciò provoca un progressivo diradamento.  Dovuta ad eccessiva trazione della pelle è la calvizia temporale che segue ad interventi di lifting facciale male eseguiti. Inoltre in certi periodi della vita i capelli subiscono forti stress e possono diradarsi. Questo rischio si corre maggiormente dopo il parto durante l’allattamento e in menopausa: questi eventi, così come una dieta sbagliata, uno stato ansioso, una cura farmacologica, rompono l’equilibrio del loro metabolismo. pare che la calvizia nella donna sia sempre più diffusa, forse per motivi alimentari, psicologici e forse ambientali. Anche la donna può presentare una forma di alopecia androgenetica che evolve con una recessione fronte-temporale dei capelli analoga a quella maschile e quindi classificabile secondo gli schemi di Norwood e Hamilton.
Più frequentemente la calvizia femminile compare ed evolve come un diradamento generalizzato e diffuso a gran parte del cuoio capelluto mentre permane una linea di attaccattura fronto-temporale più o meno conservata di almeno 1 cm. La parte diradata può essere il 30-50% anteriore o tutto il cuoio capelluto. Questa forma più comune viene classificata secondo uno schema proposto da Ludwig.
CLASSIFICAZIONE LUDWING
L’alopecia androgenetica femminile viene suddivisa in tre livelli di gravità sulla base della densità dei capelli:
Alopecia Tipo Primo: diradamento dei capelli su tutta la zona superiore del cuoio capelluto dietro ad una linea anteriore profonda 1-3 cm più o meno conservata.
Alopecia Tipo Secondo: diradamento marcato dei capelli nella zona superiore del cuoio capelluto dietro ad una linea anteriore anch’essa meno densa.
Alopecia Tipo Terzo: diradamento grave su tutta la zona superiore del cuoio capelluto dietro ad una linea anteriore ormai molto diradata. Lo stadio terzo è comunque molto raro e riscontrato solo nel 5% delle donne affette da calvizia androgenetica.
DOPO LA GRAVIDANZA
Gli estrogeni calano bruscamente ed i capelli divengono subito meno forti e cadono in gran numero. Un gran numero di capelli entra nello stesso periodo in fase telogen. Nel periodo dell’allattamento gli alti livelli di prolattina, ormone che stimola la ghiandola mammaria, indeboliscono i bulbi piliferi. la produzione di latte impoverisce l’organismo femminile di ferro, calcio e altri minerali indispensabili alla salute dei capelli.
IN MENOPAUSA
Le ovaie producono una quantità più bassa di estrogeni. I capelli non senza il beneficio di questi ormoni appaiono più deboli, sottili e radi. Può comparire una recessione bitemporale e frontoparietale di tipo maschile.
Pace Giuseppe
Vi offriamo le migliori soluzioni scientifiche per i vostri capelli: diagnosi con la tricoanalisi, trattamento personalizzato con prodotti sicuri ed efficaci, autotrapianto con infoltimento naturale e definitivo dei capelli.
Contattaci per un preventivo o per ulteriori informazioni.

* Interventi eseguiti da personale medico
   in strutture autorizzate

Letto 758 volte
Devi effettuare il login per inviare commenti

Questo sito prevede l utilizzo dei cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Continuando la navigazione riterremo accettato il loro utilizzo

  
Privacy Policy