NewEntry.eu - Gli Stadio (2^ Parte)
Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Gli Stadio (2^ Parte)

Nel 1987 il tastierista Beppe D’Onghia inizia a collaborare subentrando a Fedele (che prenderà proprio il posto di D’Onghia come tastierista di Luca Carboni) e all’inizio dell’anno successivo arriva la prima raccolta, Canzoni alla Stadio, che contiene due inediti: Bella più che mai (con testo di Saverio Grandi) destinata a diventare un classico della band, e la ritmata Tu vuoi qualcosa presentata al Festivalbar e che per un periodo sarà anche sigla de Il Processo del Lunedì. Nel 1988 gli Stadio partecipano al progetto Dalla/Morandi suonando sia nell’album che nel lungo tour all’interno del quale eseguiranno anche alcuni brani del proprio repertorio a iniziare dai due inediti di Canzoni alla Stadio. Nel 1989 esce Puoi fidarti di me, trainato dal buon successo del singolo omonimo scritto da Luca Carboni.
Gli anni novanta
Tra il 1989 e il 1990 avviene il definitivo “strappo” con Lucio Dalla. Curreri vuole per la sua band maggiore spazio, dato che si trova a poter promuovere i brani degli Stadio solo nei momenti di pausa dal lavoro di Dalla. L’ultima collaborazione ufficiale tra il gruppo e Dalla avviene per la lavorazione dell’album di Robert & Cara (Robert Sidoli e Carolina Balboni, coristi di Dalla) per i quali Curreri e D’Onghia firmano con Dalla il brano I segreti dell’amore (curiosamente all’album collaborerà il loro vecchio chitarrista Ricky Portera). Subito dopo la band inizia una nuova vita senza il suo pigmalione e con molti problemi interni causati dalla assoluta instabilità del progetto privato del suo principale “sponsor”. All’inizio del 1990 Marco Nanni, dopo un’ultima apparizione tv per presentare il brano Nel profondo del cuore, lascia polemicamente il gruppo ed entra a far parte degli Skiantos con i quali resterà fino al 2003. Al suo posto entra Massimo Sutera.
Sul finire dell’estate del 1990, dopo la lunga partecipazione della band al Cantagiro, Beppe D’Onghia prende la decisione di tornare a collaborare anche con Lucio Dalla (sarà, negli anni successivi, anche produttore e arrangiatore di Dalla). Di lì a poco anche Sutera, dopo una partecipazione televisiva con gli Stadio ad uno show dedicato ai Beatles, decide di entrare nel team di Dalla e viene sostituito dal giovanissimo Roberto Drovandi (ex bassista di Luca Carboni). Gaetano Curreri e Giovanni Pezzoli restano gli unici componenti originari. A loro si è aggiunto da pochi mesi Andrea Fornili alla chitarra, già navigato turnista per Loredana Bertè, Eros Ramazzotti e Miguel Bosé e che da tempo collaborava con Curreri (insieme realizzarono diversi spot televisivi e la colonna sonora del film Stasera a casa di Alice con la supervisione di Vasco Rossi). Entra nel gruppo anche il produttore Luca Orioli che suonerà le tastiere (in studio) e curerà gli arrangiamenti e torna il vecchio amico Aldo Fedele come tastierista nei concerti insieme ad Alessandro Magri, anch’egli alle tastiere e programmazione computer. Sul finire del 1990 anche Pezzoli però accetta l’invitante offerta dell’amico Dalla e parte con lui nel tour di Cambio. Curreri questa volta accetta la partecipazione di Pezzoli al tour di Dalla purché temporanea e prepara in studio (insieme al fido Saverio Grandi) il nuovo lavoro degli Stadio. Verso la metà del tour di Dalla, gli Stadio devono iniziare la promozione del loro nuovo singolo e Pezzoli, a differenza dei suoi giovani colleghi (D’Onghia e Sutera), sceglierà di seguire il gruppo abbandonando definitivamente il lavoro con Dalla (tornerà nel 1996 ma solo in studio per l’album Canzoni). Nel 1991, la BMG immette sul mercato il Volume 2 di Canzoni alla Stadio. Questa operazione viene vista polemicamente dal gruppo come un’azione di disturbo della vecchia casa discografica in seguito all’imminente uscita del loro nuovo album per la concorrente EMI. Ma la raccolta non troverà il successo della precedente, mentre il primo album del nuovo corso artistico regala agli Stadio il loro primo disco d’oro. Infatti nel 1991 esce il singolo Generazione di fenomeni sigla del telefilm di Rai 2 I Ragazzi del muretto che anticipa album Siamo tutti elefanti inventati (ritenuto dai critici il più riuscito insieme a La faccia delle donne), che segna l’inizio della collaborazione del gruppo con Saverio Grandi, tuttora loro autore di fiducia. Nell’album, concepito con l’attore e loro amico Alessandro Bergonzoni, addetto ai “titoli” per la band, compaiono numerose collaborazioni, quali Ci sarà (vita controvento) di Ivano Fossati (che in seguito avrebbe inserito il brano nel suo repertorio), Segreteria telefonica scritta da Claudio Lolli e Pelle a pelle di Luca Carboni e Bruno Mariani (ex chitarrista della band). Nel 1992 Stabiliamo un contatto, dove si affacciano altri nomi illustri della canzone d’autore: Per la bandiera è scritta da Francesco Guccini in memoria degli agenti di scorta di Falcone e Borsellino); l’artista emiliano firma anche Swatch, una sorta di quadro generazionale; Jovanotti scrive il testo di Libero di cambiare e ancora Bergonzoni firma il testo surreale de L’appostamento e quello più impegnato per Lo scatolone, rivolto ai pericoli sull’assuefazione televisiva.
StadioMobileLive è il primo lavoro on stage pubblicato nell’autunno del 1993, con l’inedita Un disperato bisogno d’amore (pubblicata anche in versione remix per le discoteche sulle base strumentale di U Got 2 Let The Music dei Cappella). Di volpi, di vizi e di virtù, pubblicato nel 1995 vede tra gli altri le firme di Roberto Vecchioni per Canzone d’amore sprecato e Edoardo Bennato, che suona l’armonica in Maledettamericatiamo canzone scritta dal poeta bolognese Roberto Roversi autore anche di Ma se guido una Ferrari inclusa nello stesso album. Inoltre è inclusa Ballando al buio, che diventerà uno dei loro maggiori successi. Ancora due anni dopo è la volta di Dammi 5 minuti, che esce nella primavera del 1997 e racchiude tra le altre Un volo d’amore sulla storia di due giovani fidanzati uccisi nel conflitto serbo/bosniaco.
Nel 1998 gli Stadio pubblicano una Ballate fra il cielo e il mare, raccolta tematica che comprende, insieme a quattro inediti, nuove versioni delle loro canzoni d’amore, chiamate “ballate” mutuandolo dall’inglese ballad. Il disco viene riedito nel febbraio successivo con l’aggiunta della canzone Lo zaino, scritta da Vasco Rossi, che il gruppo porta in gara al Festival di Sanremo classificandosi quinto. Nell’autunno del 2000 arriva nei negozi di dischi l’album Donne & colori, con cui gli Stadio tentano - grazie anche alla produzione di Guido Elmi e Frank Nemola - un inedito approccio etnico: il risultato più interessante di questa nuova tendenza è la canzone In paradiso con te, interpretata con la cantante israeliana Amal Murkus. Il disco ospita anche due brani col testo del poeta Roberto Roversi, già autore per loro di altre canzoni tra cui Chiedi chi erano i Beatles: La ragazza col telefonino e Doma il mare il mare doma, dedicata a Diego Armando Maradona. L’album ottiene comunque un tiepido successo ed è tra gli episodi meno riusciti della loro carriera.
continua-3

Letto 494 volte
Devi effettuare il login per inviare commenti

Questo sito prevede l utilizzo dei cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Continuando la navigazione riterremo accettato il loro utilizzo

  
Privacy Policy