NewEntry.eu - Acqua aprilina

Acqua aprilina

Fu quando la cisterna si riempì
di acqua aprilina
e un’algebra sottilissima inghiottiva
tutti i sensi degli uomini in un punto.
Occhi lunghi di gru trattenevano l’ombra
sui rilievi delle felci;
crescevano le ali dei merli
e il bosco era come l’unghia
che s’infilza con un colpo secco.
Era tutto nuovo e strano,
eppure un peso abituale
nell’aria sequestrava la speranza.
(da Pozzo di neve, Crocetti, 2005 –
Traduzione di Francesco Ardolino)
“La poesia anticipa il futuro e fornisce il codice perché dalla completa distruzione qualcosa si salvi”: questa è la visione poetica della poetessa catalana Susanna Rafart (Ripoll, 1962), qui applicata a un risveglio primaverile della cittadina di montagna alle falde dei Pirenei dove ha vissuto.

Letto 2255 volte
Devi effettuare il login per inviare commenti

SFOGLIA L'ULTIMA EDIZIONE



NS. CANALE YOUTUBE

Questo sito prevede l utilizzo dei cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Continuando la navigazione riterremo accettato il loro utilizzo

  
Privacy Policy