NewEntry.eu - Lago di Braies e Val Pusteria

Lago di Braies e Val Pusteria

Stupendo fine settimana d’autunno in Val Pusteria, in ottima compagnia di amici: un susseguirsi di paesaggi mozzafiato, di stupore, di meraviglia…quasi impossibile tradurre in parole tanta bellezza naturale!! Il più bello in assoluto, per me, fra i laghetti visti in zona, è il Lago di Braies: l’acqua di un verde meraviglioso, le montagne che sembrano entrare nel lago e vi si specchiano magicamente, creando effetti speciali quando i raggi del sole ne illuminano le cime. Questo lago, al termine di una strada, è immerso in un contesto naturale unico! Il titolo della serie tv qui registrata “A un passo dal cielo”, non poteva essere più azzeccato! Pace e silenzio, lungo il sentiero che costeggia  tutto il lago, a tratti proprio a riva, a tratti immerso nel sottobosco; un ruscello, un ponticello in legno, panchine su cui sedersi per riposare in tranquillità, una Chiesetta., una palafitta..il tutto in un’ armonia che invita a meditare e ringraziare per tanta bellezza  intorno a noi!! In autunno ci sono meno turisti che in piena estate, perciò si può entrare meglio in sintonia con questo angolo d’Italia ai piedi delle imponenti Dolomiti e contemplare tutt’intorno: cime rocciose, pendìi di pini  e larici, catene di montagne che si intrecciano, vallate che si insinuano nei boschi e l’azzurro di un cielo così vicino da sembrare davvero a portata di mano. Nelle vicinanze, a  poco più di 2000 metri d’altitudine, prati a perdita d’occhio molto ampi, ancora molto verdi, con mucche libere al pascolo; gli ultimi fiorellini e solo qualche ciuffo d’erba ingiallito, così come qualche chiazza colorata sparsa sui monti annuncia l’arrivo tardivo dell’autunno; temperature già piuttosto basse, fino a farci ammirare qualche fiocco di neve, che scendendo di quota diventa presto pioggerellina. Altrettanto affascinanti i Castelli medievali ( Campo Tures, Monguelfo, Brunico…), dalla cui sommità il panorama spazia per chilometri a valle. Storie intriganti e leggende di trame d’amore, di guerra, di lotte di potere, vissute in ogni castello: donne innamorate rinchiuse da padri padroni, alcune poi suicide; fasti e ricchezze dei tempi migliori ostentate negli arredi e nei dipinti, anche se poi nei secoli povertà e abbandono hanno lasciato il segno, fino al ripristino e alla rivalorizzazione di queste strutture da parte di associazioni che ne permettono la conservazione; reperti raccapriccianti di strumenti da tortura….e, come leggenda vuole, un fantasma non manca in nessun castello! La particolarità che distingue però i castelli di montagna è il grande uso del legno, lavorato e intarsiato con maestrìa, soprattutto quello ricavato dal pino cembro, perché inattaccabile dai tarli; in ogni stanza imponenti stufe a legna di ceramica in stile tedesco scaldavano locali molto gelidi, poco baciati dal sole. Boschi attraversati da sentieri intriganti, ruscelli e molte specie di alberi, erbe selvatiche e medicinali, attorniano ogni Castello, creando un’atmosfera magica.
Castello di Campo Tures
Questa breve immersione nella natura ci ha ricordato il patrimonio di cui disponiamo e quanto siamo in dovere di rispettarlo e conservarlo. Nel Trentino Alto Adige in effetti si osservano pulizia, ordine e cura in ogni dove si volga lo sguardo. Nei paesini montani  gli alberghi più caratteristici sono in realtà “masi”, rifugi cioè dove il lusso principale è un’accoglienza calorosa che fa sentire quasi in famiglia! Non ultime le prelibatezze gastronomiche, un po’ speziate, molto saporite e appetitose. La Val Pusteria ci ha proprio preso il cuore e, malgrado purtroppo la lingua tedesca faccia sembrare già all’estero, la gente è accogliente, cordiale e semplice. Un tuffo rigenerante fuori dalla frenesia quotidiana per immergersi dove il tempo sembra essersi fermato!           

Ornella Olfi

Letto 783 volte
Devi effettuare il login per inviare commenti

SFOGLIA L'ULTIMA EDIZIONE



NS. CANALE YOUTUBE

Questo sito prevede l utilizzo dei cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Continuando la navigazione riterremo accettato il loro utilizzo

  
Privacy Policy