NewEntry.eu - Plesso potenziato di Bonate Sotto
Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Plesso potenziato di Bonate Sotto

A tutte le insegnanti: siete state la mia culla...
Per essere come gli altri tra gli altri

All’ interno del protocollo di intesa inerente l’integrazione scolastica di alunni con disabilità importante, troviamo il plesso potenziato che si prefigura come risposta specifica alle effettive esigenze del singolo.
Alla sua realizzazione partecipano, il comune, la n.p.i., la Regione, il Provveditorato e il Dirigente Scolastico. Il numero massimo di bambini che accoglie varia da 6, massimo 7 bambini, con insegnanti e assistenti con rapporto 1:1, a Bonate Sotto sono 10 con un coordinatore.
Il plesso potenziato accoglie diverse disabilità e il suo obbiettivo è l’integrazione oltre al raggiungimento di obiettivi mirati, che variano in base al bambino. I bambini autistici, proprio per le loro caratteristiche, hanno difficoltà a rapportarsi con il mondo esterno, attraverso quelli che sono i normali canali di comunicazione; il plesso potenziato agisce da facilitatore, tra l’alunno disabile e la classe di riferimento.
Affinché il plesso potenziato possa continuare a svolgere il suo compito, anche i docenti delle altre classi devono partecipare attivamente.
Per meglio descrivere un plesso potenziato immaginatevi un insieme di aule strutturate e dislocate in modo da risultare parte integrante della scuola, ci troviamo comunque sempre all’interno di una scuola primaria in cui il bambino ha la sua classe di riferimento..
Ora vi racconto la mia storia, che dimostra come più disabilità possano convivere tra loro raggiungendo i migliori obiettivi, tra cui l’integrazione. Il primo giorno di scuola percepivo, di aver fatto la miglior scelta e comprendevo che i migliori obiettivi si raggiungono con la preparazione personale, l’amore per il proprio lavoro, e soprattutto vedendo in questi bambini non isole infelici, ma una terra su cui approdare e scoprire meraviglie. Mia figlia è uno specchio limpido di ciò che vive, lei non parla ma riflette le sue giornate scolastiche in quello che racconta coi suoi atteggiamenti che sono di grande gioia quando varchiamo le porte dell’edificio scolastico.
Lei abbraccia tutte le insegnanti e loro ricambiano entusiaste il suo affetto.
Le ringrazio per gli ottimi obiettivi raggiunti sull’autonomia, ma ciò che mi preme maggiormente dire è quanto sia stata amata da insegnanti e compagni, e quanto loro hanno ricevuto da lei. Tutti sanno che la scuola attraversa un periodo difficile, ma il plesso potenziato di Bonate Sotto dimostra che gli angeli non sono solo in cielo, ma li incontriamo nella nostra quotidianità, queste insegnanti sono state l’aquilone che puntava in alto, tenendo per mano mia figlia, per raggiungere i vari obiettivi.
La nostra avventura sta per giungere al termine e con la mia bambina vi abbraccio tutte!
Grazie! Alle insegnanti di sostegno M.C., S.C., all’educatrice S.L., alla responsabile del plesso potenziato F.F. ed a tutto il corpo docenti per l’ottimo lavoro d’equipe svolto.

Siamo un gruppo di mamme di bambini autistici. Abbiamo creato una chat whatsapp, a cui abbiamo dato il nome  “La casa di Doroty”. Qui ci scambiamo opinioni, ci confrontiamo ed ogni tanto ci incontriamo per un caffè. Se anche tu hai un vissuto simile e vuoi entrare in chat, contattaci:
Valsecchi Tiziana - Cell. 329 98 05 488

Terre di nessuno
 Terra di nessuno
deve divenire di qualcuno
ci si deve interessare,
il silenzio, non si può accettare,
cio che rattrista maggiormente
l’indifferenza della gente,
se ti soffermi ad ascoltare
 quanti discorsi, possiamo raccontare,
vi vogliamo illuminare,
non siamo ombre,
ma bimbi da amare......
Valsecca Tiziana

Letto 1084 volte
Devi effettuare il login per inviare commenti

Questo sito prevede l utilizzo dei cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Continuando la navigazione riterremo accettato il loro utilizzo

  
Privacy Policy