NewEntry.eu - Non viviamo più la vita reale...
Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Non viviamo più la vita reale...

L’avvento dei social network ha permesso ad ognuno di noi di allargare gli orizzonti, di scoprire cose nuove e di dialogare con il mondo intero.
Tutto questo però nasconde in sè un pericolo: sostituire la vita reale a quella virtuale. Una coppia decide di dividere il proprio account facebook e subito si parla che stanno per divorziare, una persona da qualche giorno non scrive e si pensa sia gravemente malata fino ad arrivare alla morte di Frizzi, dove Michelle Hunziker è stata aspramente criticata per non aver pubblicato nulla a riguardo.
La risposta della showgirl non si è fatta attendere:
“Non è assolutamente detto che si abbia sempre voglia di rendere pubblico il proprio dispiacere sui social e non è nemmeno detto che una persona non soffra perché non lo annuncia in un post.”
E’ tristissimo assistere ad un fenomeno del genere: troppe persone stanno perdendo completamente il senso della vita reale sentendosi in assoluto potere, nella loro ipocrisia, di decidere cosa sia giusto dire o fare in determinate situazioni o a seguito di determinati fatti del quotidiano. “Ognuno dovrebbe affrontare il lutto come vuole, come può e a sua completa sensibilità e discrezione» - ribadisce la Hunziker. I social dovrebbero non dovrebbero essere il contenitore di falsa moralità e totale ipocrisia ma restare un posto dove tutti possono dare sfogo alla propria creatività.
Gianluca Boffetti

“Per molti, l’idea di essere tagliati fuori dai loro amati siti di social media può sembrare una clip di un film dell’orrore; l’ansia può iniziare ad insediarsi e si possono avvertire gravi sintomi di astinenza. È possibile vivere senza sapere cosa ha mangiato la tua migliore amica a colazione? Cosa farai quando andrai in bagno e non ci sono “aggiornamenti” da sfogliare? E in che modo nel mondo ti verranno ricordati i milioni di compleanni di cui sei ora a conoscenza? Alcuni dei quali appartengono a persone con cui non hai parlato da anni, ma che in qualche modo ti senti in dovere di augurare un “buon compleanno”...
E se, per una volta sola nella tua vita, potessi sperimentare e assaporare la tranquillità della tua mente? Hai tempo per raccogliere i tuoi pensieri prima di lasciare che i pensieri degli altri si impadroniscano dei tuoi? E se tu avessi il coraggio di vivere senza essere “connesso” e sentirti ancora parte di qualcosa di più grande? Puoi. Ho lasciato la “scena dei social media” nel 2011 e sono stato in periodo sabbatico per tre anni. Davvero, nessun Twitter, Facebook, Reddit o altri social media per me per tre interi anni (tranne forse Pinterest a causa delle incredibili ricette di cucina). Ecco cosa ho imparato da questa interruzione dei social media:
1. Ti manca per alcune settimane e poi vai avanti.
Sì, sentirai ritiri; sperimenterai l’ansia da separazione; ti sentirai fuori luogo; e lo supererai. Come ogni rottura, fa male, ti manca, ma vai avanti. La cosa bella di questa rottura è che hai il sopravvento perché hai concluso la relazione. Certo, Facebook ti invierà un milione di e-mail che ti dicono di ripensare alla relazione, e poi in un momento di amarezza ti ricorderà freddamente che il tuo account rimarrà chiuso per sempre se non effettui l’accesso entro un certo periodo di tempo; e forse ti sentirai costretto a tornare indietro. Ma non farlo. Tornare indietro con un ex dopo una rottura non è mai una buona idea comunque.
2. Ti senti orgoglioso ed entusiasta del nuovo tempo libero trovato
Cosa farai con tutto questo tempo in più sulle tue mani? Oh, le possibilità sono infinite. Puoi effettivamente prendere il telefono, chiamare amici e “recuperare” come il mondo ha fatto per migliaia di anni; attraverso la comunicazione verbale. Puoi leggere un libro e non i pensieri di qualcun altro su di esso. Puoi svegliarti nel cuore della notte e contare davvero le pecore invece di rinfrescare ossessivamente lo schermo per vedere se qualcuno ha commentato la tua nuova immagine del profilo. Imparerai che il cielo è il limite per il tuo tempo libero appena trovato.
3. Si impara che il problema con la mancanza di tempo non è social media
Non so come metterlo gentilmente, così lo metto solo io: non sono i social media, sei tu. Non hai tempo per fare qualcosa; non hai studiato per le finali, hai lavorato alla tua relazione di fine anno e certamente non hai avuto il tempo di sederti in silenzio e di essere grato per le tue benedizioni. La mancanza di motivazione per realizzare effettivamente ciò che vuoi fare è la ragione della tua mancanza di tempo, non della quantità di tempo speso sui social media. La verità è che se sei impegnato a vivere la vita al massimo, saprai quando è il momento di spegnere il computer o il telefono e concentrarti su ciò che conta senza “disconnetterti” per sempre.
4. Non condividi mai più mai più
Dopo essere stato “disconnesso” per un po’, ricollegarsi al mondo dei social media può essere uno shock. Tutte le immagini improvvise che avresti potuto pubblicare in passato sembrano troppo per il mondo da vedere. Le confessioni di amore e odio che una volta sentivi costretto a condividere con il mondo non sono sicuramente qualcosa che vorresti ricreare di nuovo. Torna e sei scioccato nel vedere quanto poco valga la pena in questi giorni. In qualche modo, durante il tuo tempo di “disconnessione”, diventi più saggio. Ora sai che non è necessario condividere eccessivamente, puoi semplicemente “condividere”.
5. Incorporate il bilanciamento della parola nella vostra vita
Gli estremi non sono mai buoni. A volte la nostra società tende ad essere un tipo tutto-o-niente e il pensiero dell’equilibrio può sembrare una battaglia in salita. Disconnettiti dai social media ti insegnerà che la vita più appagante non è quella che chiude il mondo o che condivide tutto con il mondo. Invece, è uno dove sei libero di essere te stesso, pensa ai tuoi pensieri e sai quando dire “è abbastanza per oggi”.
Fonte:lifehack.org

Letto 90 volte
Altro in questa categoria: Islam e furbi di ogni generazione »
Devi effettuare il login per inviare commenti

Questo sito prevede l utilizzo dei cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Continuando la navigazione riterremo accettato il loro utilizzo

  
Privacy Policy